Figli finiti, visibili tracce di sangue

[…] La gioventù, il grande enigma: il passato che non ricordiamo, il futuro che non vivremo. Certo non manca ne I figli sono finiti l’intenzione di inquadrarla questa gioventù, di restituirla nella sua essenza se non esistenziale almeno sociologica. In...

Su “Grave disordine con delitto e fuga” di Ezio Sinigaglia

[…] Grave disordine con delitto e fuga mette in scena i giochi di potere che hanno luogo tra due personalità complesse e contorte. Il mondo di carta che l’ingegner De Rossi ha costruito attorno a sé crolla solo apparentemente all’improvviso, dal momento che il...

SOFFIO AL CUORE

[…] La sua dimensione di ragazzino prende corpo in famiglia, con gli scherzi e gli scontri amichevoli con i due fratelli, con le coccole della madre, qualche rimbrotto del padre. Nel descrivere questa famiglia borghese e i costumi del tempo come lo svezzamento...

Carnage (2011)

[…] La scrittura è abile, la messa in scena intelligente, il film è uno sguardo inquietante e delizioso su quanto complessa possa essere la semplicità, e ci permette di sbirciare cosa c’è veramente dietro l’apparenza di perbenismo di certa borghesia. Il preludio...

AZOR

[…] Con Azor il regista svizzero Andreas Fontana torna a quegli anni a Buenos Aires, nello specifico al 1980, compiendo un’azione narrativa molto originale e interessante, andando a raccontare quell’infausto periodo omettendo completamente qualsiasi...