Recensione “Godland” – Cinema 2023 – 1 –

[…] E’ un modo di fare cinema anacronistico, lontano dalle velocità dell’oggi, lontano da tutto. E’ cinema faticoso, forse anche troppo faticoso. E lento, forse anche troppo lento. Eppure la fatica che proviamo, eppure la lentezza che...

“Godland” tra produzione e distruzione

[…] Pálmason fonda la narrazione su un motivo finzionale: sette fotografie ritrovate dell’Islanda di metà Ottocento. La missione di Lucas è anche quella di immortalare il paesaggio naturale e umano dell’isola, al tempo sotto protettorato danese. Ma...