Made in Hong Kong, di Fruit Chan (Hong Kong/1997)

[…] Violenza e redenzione camminano di pari passo ad Hong Kong, città senza futuro, colta in un momento in cui “tutti sono prossimi alla fine”. Una città tentacolare, sempre inquadrata attraverso grate, sbarre, reticoli che rendono bene il senso di claustrofobia...