Male a Est: oltre la pancia del pesce cosa c’è?

[…] L’integrazione è violenza, vuol dire sforzarsi di essere diversi da come si è, colorare nei margini come la obbliga a fare l’insegnante di italiano nella scuola di Torino: linee dritte e parallele di pennarello che seguono i confini dettati dalla nuova vita,...