Lo chiamavano Trinità… (1970)

[…] Già Duccio Tessari con Una pistola per Ringo (1965), sfruttando la “faccia d’angelo” e il sorriso gagliardo di Giuliano Gemma, aveva intuito come si potesse superare il senso del tragico sfruttando la spensieratezza del riso, ma Barboni si distinse per una...