Il pensiero della fine non è la fine

[…] Il cambio di abito mentale serve dunque a far maturare progressivamente la convinzione che si possa “pensare la fine” fuggendo da fanatiche illusioni accelerazioniste e smontando astrusi luoghi comuni sul concetto passepartout di sostenibilità. Ecco quindi...