Messico, calcio e surrealismo

[…] Raggiungere l’Azteca dal centro cittadino è un viaggio della speranza che inizia in metropolitana e finisce su un trenino locale oltre un’ora dopo. Su quei binari iperaffollati credo di aver incrociato più gente di quanta ne abbia mai vista in vita mia...