Come raccontare il male

[…] Questo saggio mi pare che possa inaugurare un filone in cui, rispetto a un’idea di una filosofia “pop” che si applichi indiscriminatamente, si ritorna al rigore della critica applicata anche ad una interdisciplinarietà radicale che include, lo cito ancora...