Matei Vișniec, Sindrome da panico nella Città dei Lumi

[…] I libri agonizzano, come esseri viventi, sugli scaffali delle librerie (…) sentono che nessuno li aprirà, che nessuno li comprerà più… E in un mondo in cui, di fatto, nessuno legge, è normale che tutti scrivano… E certo, perché : “Scrivere un libro è in...

Matei Vişniec, Il venditore di incipit per romanzi. Voland

[…] Trainati da una traccia principale, ci ritroviamo in un intrico di testi, un metatesto, ciascuno indipendente ma solo apparentemente, perché, in modo sotterraneo, ogni testo è come lambito da un fiume che tutto bagna; testi che escono dalla feconda mente...