Michael Bible, L’ultima cosa bella sulla faccia della terra

[…] A parte la squadra di football, che l’allenatore usa come mercato di spaccio, il nulla. Gli adolescenti e i giovani appaiono confusi, senza punti di riferimento o mentori, senza ambizioni o persino senza sogni, trasportati da una corrente che li sballotta...

L’ultima cosa bella sulla faccia della terra

[…] L’effetto complessivo è iper-funzionale: il romanzo è asciutto, le diverse prospettive si alternano come fosse una raccolta di racconti, anche con una brevità stilistica che rende merito ai personaggi senza inutili lungaggini. Sullo sfondo, parte integrante...

L’America profonda dell’ipnotico Michael Bible…

[…] Che cosa rende questa storia avvincente e straordinario il romanzo d’esordio che la contiene e veicola? Il montaggio, come è strutturata la narrazione, oltre a una prosa — come già accennato — al tempo stesso lirica e ponderata, realistica e visionaria,...