Trent’ anni dopo

[…] Una cosa su cui nessuno si sofferma mai è il contesto nel quale uscì “Nevermind”. Posso solo parlare per me, ovviamente, magari per chi viveva in una grande città non cambiò molto. La provincia, per di più italiana, era totalmente un’altra cosa. Come ho già...

Kurt Cobain

[…] L’infanzia e la prima adolescenza sono traumatiche per un ragazzo dalla spiccata sensibilità. Segnato profondamente dalla separazione dei genitori, soprattutto in una città provinciale di 15.000 abitanti nel profondo nord ovest americano, quasi ai...

Qui si parla di amore. O di confusione. [Nevermind, 24.09.91]

[…] Chitarra, basso e batteria, che, con accelerazioni e rallentamenti improvvisi, rappresentarono la disillusione di un’intera generazione e l’avidità di un’intera classe politica, consapevoli, però, allo stesso tempo, che la mercificazione di qualsiasi ideale,...

Reading ’92: un giorno di fango con i Nirvana

[…] Con una setlist monopolizzata da Nevermind, i Nirvana si scrollarono di dosso tutte le critiche e le malelingue, mettendo la musica al primo posto, fregandosene di tutto il resto, pensando solo a suonare e a divertisi come in qualunque concerto punk. L’avvio...

Dagli archivi: tre documentari su Kurt Cobain

[…] Nel 2004, invece, nel decennale della morte, esce il cofanetto With the Lights Out: in tre cd e un dvd si mette in luce il lato inedito della musica dei Nirvana. Cobain, ovviamente, domina la scena, ma è la musica che sta al centro del progetto. Il dvd, in...