Orizzonti di gloria (1957)

[…] La scena del processo è un capolavoro di apparenze, un gioco delle parti disgustoso, in cui ognuno interpreta il suo ruolo senza alcuna convinzione, tutti verso un verdetto già scritto, una, anzi tre, morti annunciate. Da una parte un regolamento assurdo e...