Gli oscuri racconti di Leonid Andreev

[…] Wolfe definisce l’autore russo come un pittore del pensiero, ispirato da grandi maestri come Gorky, Tolstoy, e Schopenhauer: un artista che utilizza una tavolozza in cui compaiono solo tonalità scure perché guarda il mondo attraverso lenti nerissime. La sua...

Chiromantica medica

[…] Tutto quel che so è memoria delle fondamenta e delle mura, delle case e delle piazze, così che come una città muta io stesso cambio giacché il mio essere ricalca vie e palazzi, i miei desideri vivono nel cemento e nella calce, nel sogno proibito di una città...

Tommaso Lisa Insetti delle tenebre

[…] “Che cosa sia una grotta, appare evidente, è in prevalenza un fatto di proporzioni: qualunque profondo anfratto o fessurazione del terreno può essere una grotta per un insetto” Jacques Lacan definisce “il luogo dell’altro” il...

Casa è dove vive la letteratura

[…] Protagonista è “Io”, in parte l’io dello scrittore, in parte il nostro io, e con lui e noi pezzi di famiglie in costruzione e in distruzione, accompagnate da interni domestici che assumono di volta in volta le caratteristiche di case più o meno presenti nel...