Adrián N. Bravi, Adelaida

14/05/2024


[…]
Ripercorrendo la vita di questa donna straordinaria, racconta anche gli anni della dittatura in Argentina
, dove lui stesso è nato e ha vissuto. Da questo vibrante racconto, emergono in sincrono la vicenda privata e quella di un popolo, l’impegno politico dei più giovani, il fermento culturale, la forza della letteratura argentina.
Bravi ci consegna un ritratto lucido e affettuoso di questa artista anticonformista e brillante, ceramista, scrittrice e giornalista (è insieme al marito, l’intellettuale David Viñas, tra i fondatori della rivista letteraria universitaria Contorno, unica donna in redazione), attivista per i diritti (milita nel Fronte di Liberazione Omosessuale), progressista, divertente e ironica nonostante il suo passato drammatico e doloroso.

Il racconto si apre con un primo capitolo drammatico in cui una giovane donna, braccata dai militari che obbediscono al dittatore, tenta invano di sfuggire al suo destino di prigioniera politica. Il più difficile e ultimo atto della sua vita da libera è quello di abbandonare la figlioletta di appena nove mesi nella mani di chi può portarla in salvo. Quella ragazza è la figlia di Adelaida, Mini.
[…]





Fonte: Il mestiere di leggere
nel canale: libri-e-lit-blog