Apologia della Kings League

20/04/2023


[…]
La Kings League non è altro che l’apoteosi del calcetto del lunedì sera. Questa buffonata è stata capace di rimettere il gioco – nel senso della giocosità, del divertimento nel giocare – al centro dello spettacolo. Nessuna questione di soldi – i giocatori sono pagati tutti 70€ a partita – e nessuna pressione, soltanto due squadre di amici che si sfidano senza veri e propri accorgimenti tattici, senza pretese di professionalità. Una grossa parte del divertimento – ve lo dice uno che si è guardato parecchie partite “per studio” – viene proprio dalla leggerezza con cui tutto viene affrontato all’interno della Kings League. Leggerezza che non significa mancanza di agonismo, ma libertà di giocosa improvvisazione. Ovviamente nel format c’è anche un po’ di “stile videogioco”, ma che c’è di male nel 2023?
[…]





Fonte: Sportellate
nel canale: calcio