Candy Land – La recensione

10/02/2024


[…]
Quando ci sono di mezzo gli invasati per la religione, c’è sempre da aver paura. Se poi gli invasati in questione se ne vanno in giro a purificare peccatori pugnalandoli con una lama ben nascosta in una croce, il gioco è fatto. Candy Land, diretto da John Swab nel 2022 è un piacevole ritorno al cinema exploitation di qualche decennio fa. Non si lesina su nulla qui. Sesso e volgarità in abbondanza, dettagli di vagine che non lasciano spazio all’immaginazione, omicidi, suicidi e fanatismo religioso. Insomma, un film che a modo suo lascia il segno, questo Candy Land e, sebbene la trama non sia nulla di rivoluzionario, il risultato finale è squallido, volgare e violento ovvero promosso.

Siamo in una stazione di servizio per camionisti e un gruppetto di ragazze (e un ragazzo) si guadagnano da vivere con il lavoro più antico del mondo. Si tratta di un brutto mondo quello in cui vivono ma d’altronde la paga è migliore di quella di una cassiera.
[…]





Fonte: CinePaura
nel canale: cinema