C’è ancora domani

31/03/2024


[…]
Tornando all’inizio del post, ancora non riesco a ricordare quale sia stato l’ultimo film italiano prima di questo: anni fa eravamo stati costretti da amici a guardarne uno, credo di Sorrentino o con Servillo, ma non riesco a individuarlo (e potrei sbagliarmi)… tornando all’inizio del post, questo film è molto diverso dalla solita cinematografia italiana a base di mafia, politica o comicità volgare: è riuscito persino a farmi venire un mezzo desiderio di guardarne altri.

Ah2, questo è il film che il Ministero si rifiutò di finanziare: il più importante film italiano degli ultimi anni è stato l’unico a essere considerato culturalmente irrilevante dalla ‘classe dirigente’; aldilà di ogni altra considerazione, sintomo perfetto della malattia di distacco esistenziale tra governanti e governati.
Questo è un film importante che ha fatto sentire un po’ una merda anche un paragone di progressismo come me, e dovrebbe certamente provocare vergogna in un considerevole numero di uomini in giro per il paese, ma questo è soltanto il primo livello narrativo.
[…]





Fonte: Primus Crom Chtulhu
nel canale: cinema