• musica
  • Depeche Mode – Milano, 28/03/2024

Depeche Mode – Milano, 28/03/2024

01/04/2024


[…]
Curiosamente, l’highlight della serata è però uno degli unici due pezzi cantati da Martin Gore, che si è esibito in una versione solo piano (suonato dal tour member, anch’egli ormai storico, Peter Gordeno) e voce di Strangelove. Un’interpretazione che mi ha riempito il cuore di emozione e gli occhi di lacrime. Subito dietro, in ordine di apprezzamento soggettivo, il pezzo che più aspettavo, A pain that I’m used to, una canzone che adoro, regalata in una versione molto più carica e aggressiva dell’originale e peraltro l’unica in cui Gordeno abbandona la confort zone di tasti e pulsanti per imbracciare il basso (strumento assente per il resto del concerto, ovviamente “compensato” dal lavoro di campionamento e sintetizzatori).

Alla fine saranno oltre due ore di show impeccabile, ad alto livello di intrattenimento, anche per la consueta trascinante partecipazione del pubblico, costantemente coinvolto nei cori da Martin e Dave, che in più di un’occasione ha portato l’esibizione dei brani ai “tempi supplementari” trascinando oltre il previsto il sing-along (in un’occasione, per l’assonanza del coro al pezzo dei Doors, Gahan ha accennato a Riders of the storm), al punto da far esclamare a David: “so much better than Torino!”, la precedente serata italiana dove, si deduce, evidentemente l’accoglienza è stata meno entusiastica.
[…]





Fonte: bottle of smoke
nel canale: musica