Final Summer, Cloud Nothings

20/04/2024


[…]
“Final Summer” è un elisir di energico e positivo indie-rock, è voglia di non fingere, è voglia di non piegarsi alla rappresentazione esclusivamente virtuale delle cose e dei fatti, è il desiderio di fare quello che ci piace, senza porsi dei limiti, senza subire vincoli esterni, senza avere paura dei giudizi altrui. Potremmo apparire troppo scontati? Eccessivamente felici? Troppo sciocchi, troppo nostalgici o troppo tristi? Potrebbe suonare tutto un po’ troppo facile e prevedibile? Chissenefrega!

Ciò che conta, intanto, è muoversi, esplorare, cambiare, trovare il miglior equilibrio possibile tra rumore ed armonia, tra ciò che è la verità degli eventi e quelli che, invece, sono i nostri sogni, le nostre passioni, le nostre speranze, i nostri ricordi, tutto quello che utilizziamo per costruire un nuovo verso, una nuova struttura sonora, un nuovo assolo o un nuovo ritornello. I Cloud Nothings sono, infatti, speciali nel mescolare passaggi più ruvidi, più sporchi e più acidi, con altri che, invece, cercano il piacevole tocco di una carezza, di una parola amorevole, di una rassicurante presenza nel buio della notte.
[…]





Fonte: Il Parco Paranoico
nel canale: musica