H. P. Lovecraft – Contro il mondo, contro la vita

24/04/2024


[…]
Il Lovecraft solitario e incapace di fare alcunché di pratico, il Lovecraft misantropo e quello che si innamora come un ragazzino di Sonia Haft Greene, sette anni più grande di lui. Il Lovecraft razzista che guarda alle folle multirazziali di New York come a demoni di un girone infernale e quello cortese e disponibile con tutti fino all’annullamento di se stesso, come un gentiluomo di campagna di altri tempi. Il Lovecraft povero e disperato che non trova lavoro e si fa mantenere dalla moglie ma senza perdere la dignità, il Lovecraft malato che muore solo. Sono questi – tra i tanti possibili – gli H. P. Lovecraft che interessano a Houellebecq, quelli funzionali al suo gusto, alla sua percezione (anche) romantica di uno dei suoi autori preferiti.
[…]





Fonte: Mangialibri
nel canale: libri-e-lit-blog