I Pugni in Tasca

10/05/2024


[…]
La volontà di portare in scena gli scheletri nell’armadio di un nucleo famigliare ha consentito già nel ’65 di accomunare Bellocchio agli autori impegnati del Cinema Civile, ma il suo sguardo è al contempo più penetrante e più astratto. La famiglia qui ritratta non è, né vuole essere il prototipo della famiglia italiana dell’epoca. E’ un nugolo di “anormali”, di soggetti deviati sotto molteplici aspetti (non necessariamente negativi, talvolta), considerati come anormali anche da chi li circonda, dove a risaltare sono i due estremi opposti, ovverosia il protagonista Alessandro “Ale” (Lou Castel) e il primogenito Augusto (Marino Masé).

Ale è un cinico, un giovane uomo che non prova compassione per niente e per nessuno. Afflitto da forti attacchi epilettici, questi non sono che l’avvisaglia di una devianza ai limiti della pazzia. Se Bellocchio ha ammesso di avere in comune con lui una visione cinica, appunto, del mondo e dei rapporti tra persone, di certo lo guarda dall’alto in basso e lo descrive come un vero e proprio mostro con la faccia da innocente, quella di un perfetto Lou Castel.
Mostro Ale lo è di certo; incapace com’è di avvertire il dolore e i sentimenti altrui, cova una rabbia pronta ad esplodere.
[…]





Fonte: Cobra Verde
nel canale: cinema