• libri-e-lit-blog
  • Il mistero dentro ognuno di noi, il miracolo della scrittura nonostante tutto: “Oh William!”, di Elizabeth Strout

Il mistero dentro ognuno di noi, il miracolo della scrittura nonostante tutto: “Oh William!”, di Elizabeth Strout

19/05/2022


[…]
Strout con la sua Lucy Barton è stata tra i primi e più efficaci narratori a parlare – pur senza usare la definizione – della “white trash”, i bianchi poveri, quella stessa classe sociale raccontata per esempio attraverso un codice differente da Dorothy Allison nella raccolta di racconti Trash pubblicata da Minimum Fax lo scorso anno.

Le origini di Lucy Barton, la terribile povertà e l’ancor più devastante isolamento – sociale, culturale – in cui sono cresciuti lei e i suoi fratelli, ne costituiscono l’identità e continuano a essere motivo di riflessione e disagio anche in questa nuova storia. Tornano come nei due romanzi precedenti i fantasmi del passato, le violenze subite, la mancanza di affetto e la scelta, poi, di cogliere l’opportunità di studio che le è stata data, per prendere le distanze da quello che era. Sappiamo, dalle narrazioni precedenti, quanto certi fantasmi dal passato non abbiano mai smesso di tormentarla, sappiamo della fatica di costruirsi un’identità come scrittrice, di essere amata, perfino.





Fonte: CriticaLetteraria
nel canale: libri-e-lit-blog