• musica
  • “Il Suicidio dei Samurai” dei Verdena, vent’anni dopo

“Il Suicidio dei Samurai” dei Verdena, vent’anni dopo

28/03/2024


[…]
Emiliano Colasanti, nel suo libro sui Verdena (Un mondo del tutto differente. La storia di Wow e dei Verdena – Arcana 2012), ci restituisce nitidamente questo rapporto con Cobain, Nevermind e la band di Seattle:

“Sgombriamo il campo: i Verdena con i Nirvana non hanno mai avuto niente in comune, almeno dal punto di vista musicale, per lo meno se ci limitiamo a considerare la loro biografia ufficiale. La verità è che i Verdena, come tutti gli appartenenti a quella generazione sono stati investiti da quel ciclone. Dopo il grunge niente è stato più come prima”

E a confermare l’arrivo del ciclone è proprio Luca:

“Io all’epoca ascoltavo un sacco di hard rock, i Guns’n’Roses, quelle robe lì, ma con i Nirvana la mia prospettiva è cambiata in modo radicale”.

Colasanti diceva che non avevano niente in comune almeno dal punto di vista musicale, e quell’almeno ce lo chiarisce Alberto e in questo è la chiave di tutto:

“Sono stati importanti soprattutto dal punto di vista etico. Ci hanno mostrato come continuare a restare con i piedi per terra pur essendo parte di un ingranaggio, come dare sempre più importanza alla musica e relegare tutto il resto in secondo piano: le foto, i video, la promozione”.

[…]





nel canale: musica