Il teatro inutile

26/09/2022


[…]
«Poi, tutto a un tratto, le cose iniziarono a precipitare. Una sera di marzo era in programma Le Coefore di Eschilo. Quando sopraggiunse la scena in cui Oreste deve assassinare la madre Clitennestra e il suo amante Egisto, per vendicare l’uccisione del padre Agamennone, successe l’impensabile», Vanhuksia bevve un sorso di glögi, «Sul palco piombò un figuro dal volto indefinibile che si lanciò sugli attori che impersonavano Clitennestra ed Egisto e li uccise al posto di Oreste. Lì per lì nessuno spettatore sembrò dar troppo peso a quell’anomalia, ma più tardi gli attori non seppero spiegarsi quanto successo. Io lavoravo come tecnico di scena all’epoca e non riesco a ricordare di aver visto nessuno, che non fosse un membro della compagnia, entrare nei camerini e aggirarsi dietro le quinte».
[…]





nel canale: libri-e-lit-blog