• cinema
  • #ImmaginariaFilmFestival19: The Chambermaid, la recensione del film di Mariana Čengel Solčanská

#ImmaginariaFilmFestival19: The Chambermaid, la recensione del film di Mariana Čengel Solčanská

11/05/2024


[…]
T
he Chambermaid si inserisce nel filone del cosiddetto lesbian period drama, che in anni recenti ha trovato particolare fortuna tra il pubblico queer e non solo. Nel 2021 il cast di Saturday Night Live, con un’iconica Kate McKinnon in smoking e Carey Mulligan come protagonista d’eccezione, realizzava un esilarante, ironizzando sull’uscita dell’ennesimo film ambientato tra fine Ottocento e inizio Novecento, con al centro due donne in corsetto che, oppresse dal genere maschile, si avvicinano sempre più l’una all’altra, finendo per vivere un’intensa e passionale storia d’amore destinata a finire in tragedia. Ritratto della giovane in fiamme (Céline Sciamma, 2019), Ammonite (Francis Lee, 2020), Il mondo che verrà (Mona Fastvold, 2020): tre esempi in cui il compito di mettere in discussione il sistema patriarcale ed eteronormativo è in larga parte affidato alla relazione omosessuale tra le due protagoniste.

In questo The Chambermaid agisce diversamente, rendendosi una visione nuova e stimolante. Scuote le fondamenta della società maschilista e sessista raccontando contemporaneamente una pluralità di donne – alcune mostrate più, altre poco meno – e mettendo in luce, come in un moderno La regola del gioco di Jean Renoir, l’innegabile intersezione tra subalternità di genere e subalternità di classe.
[…]

 





Fonte: DassCinemag
nel canale: cinema