Lankum, False lankum (2023)

10/06/2024


[…]
Per chi dovesse approcciarsi a False Lankum avendo ancora nelle orecchie l’ottimo The livelong day del 2019, l’impatto sarebbe totalmente straniante. Nell’incipit dell’opener Go dig my grave la voce di Radie ci prende per mano conducendoci in luoghi dolcissimi e tenebrosi (come il l’irish folk insegna), per poi lasciare spazio a rumori ossessivi, lisergici, percussioni industriali e melodie dissonanti.

Non è l’unica differenza con quanto fin qui registrato dalla band. Infatti la scelta dei Lankum (perchè di scelta presumo – spero – si tratti) è di produrre il disco sporcandone la resa audio con un sound compresso, dai volumi bassi, al punto che sembra stiano suonando in una country fair a chilometri di distanza e le note ti arrivino stremate alle finestre spalancate di casa, in una serata estiva resa umida e appiccicosa da una leggera e improvvisa pioggia.
[…]





Fonte: bottle of smoke
nel canale: musica