L’estate breve – Enrico Macioci

10/04/2024


[…]
Macioci con una scrittura ferma e decisa racconta l’età crudele dell’adolescenza.
L’età più misteriosa, un buco che ti inghiotte per restituirti diverso.
Così viene definita dallo scrittore che racconta e torna indietro a quegli anni di Prato Verde in cui appunto crescere significa diventare stranieri, e perdere l’innocenza non è altro che dover rinascere.

Il protagonista affida alla vocazione della scrittura il compito di salvare i suoi ricordi. Quella scrittura che è considerata qualcosa di cui vergognarsi ed è proprio per questo che bisogna sfidare la memoria con l’azzardo delle parole.
Adesso che lui è uno scrittore che non vince premi e non supera il traguardo delle due mila copie. Viene pubblicato e ottiene critiche lusinghiere, ma non viene tradotto da nessuna parte, non ha fallito e nemmeno sfondato, si sente inserito in una sorta di limbo da cui cerca di fare i conti con se stesso.
[…]





Fonte: Gli Amanti dei Libri
nel canale: libri-e-lit-blog