L’Objectif – The Left Side

29/03/2024


[…]
Già da qualche anno ci ritroviamo del resto a vivere, per un paradosso temporale a tratti affascinante, nel pieno di un “ricorso” (in senso vichiano) post-punk, che va di pari passo, in modo abbastanza inquietante, con annessi e rinnovati timori nucleari, cortine di ferro, austerità economiche,  embarghi, pogrom e prove generali di massacro da una parte all’altra del mondo.  Non pare dunque del tutto immotivata la tendenza, in me sempre più insistente, a cercare nella musica forme lenitive d’armonia e di rotonda pacificazione, che sappiano sganciarmi dalla miseria del dato contingente, dal tedio dei conflitti e dalle contraddizioni insanabili che ben presto si tramutano in sottile paura del futuro. Sempre più spesso mi basta metter su …From Across The Kitchen Table (1985) per ritrovare quel senso di, ehm, “grazia di Dio” che il tempo presente solo con estrema difficoltà sa ormai restituire alla mia anima.

In qualche modo anche la svolta “morbida”, quasi onirica, del nuovo EP de L’Objectif (basti la già nota Lily of The Valley, peraltro bellissima) mi induce a pensare che un sentimento “che ambisce all’eleganza, alla sartorialità, alla pop perfection e alla classicità, altro e reattivo”, si sia impadronito del giovane quartetto di Leeds che già avevamo elogiato per i due precedenti ep digitali usciti fra 2021 e 2022.
[…]





Fonte: Indie Sunset in Rome
nel canale: musica