Loia > Sotto la mia pelle

24/04/2022


[…]
Il loro è un nichilismo tutt’altro che di facciata, che trasuda odio da ogni frase urlata nella tiratissima mezz’ora abbondante dell’album. Un disco decisamente e volutamente “politico” che ha scelto l’unica strada percorribile per dare forza al proprio incandescente grido di rivolta. Ci sono tutte le tematiche antagoniste di questi nostri anni, con particolare riferimento al recente drammatico biennio, caratterizzato da storture più antisociali che sanitarie. La stessa scelta della sola pubblicazione in cassetta viaggia in direzione di un distacco da tutto ciò che oggi rappresenta la musica, la sua facile fruibilità e il circo mediatico di cui si è dotata ad ogni livello.
[…]





Fonte: Grindontheroad
nel canale: musica