• musica
  • L’Oscar Rafone: i KV mozartiani meno amati (4)

L’Oscar Rafone: i KV mozartiani meno amati (4)

26/01/2024


[…]
Potrebbe ricordare il Duetto dei gatti di Rossini (che in realtà non è di Rossini), ma in questo brano i miagolii toccano solo al soprano, che impersona una ragazza vittima d’un incantesimo. In realtà delizioso, questo pezzo è stato massacrato dai critici: l’Hildesheimer lo ritiene “così incredibilmente fiacco“, da pensare che Mozart fosse molto malato quando lo compose, mentre Abert ne mette in dubbio l’autenticità, probabilmente azzeccandoci (il vero autore dovrebbe essere il “compagno di colazioni” Benedikt Schack, mentre Mozart si sarebbe limitato a curare le parti dei fiati).

È infatti uno dei numeri di Der Stein der Weisen, ossia la Pietra filosofale, che prima di finire nelle mani della Rowling era un singspiel scritto a dieci mani (!), comprese le due di Mozart, e suona un po’ come un’anticipazione della Zauberflöte. Anche se i mozartologi non la apprezzano particolarmente, questa “scena magggica” resta da scoprire come tutto il curioso singspiel di cui fa parte.

(Immagine via ComposersbyNumbers | YouTube)





Fonte: Mozart minore
nel canale: musica