• musica
  • L’oscura immensità della morte: RAMMSTEIN – Zeit

L’oscura immensità della morte: RAMMSTEIN – Zeit

17/05/2022


[…]
Quando risento Filosofem o Hail to England ritorno in quei territori dell’immaginazione dove mi rifugiavo da adolescente. I Rammstein, invece, crescono con te per farti sempre più male, non fanno che riportarti alla realtà nel modo più brutale possibile. A vent’anni non li avrei mai definiti uno dei miei gruppi preferiti. Oggi, a quaranta, lo sono. E un disco come Zeit è davvero difficile da apprezzare se non si è giunti a un punto della vita nel quale ci si inizia a porre seriamente il problema della propria mortalità.
Il tema del trapasso è sempre stato centrale nell’heavy metal, e sarebbe superficiale asserire che lo sia in modo astratto.
[…]





Fonte: Metal Skunk
nel canale: musica