Manodrome

27/03/2024


[…]
Sarebbe interessante chiedere a Trengove, regista queer sudafricano, quale terreno volesse esplorare all’interno di questo film, perchè il film funziona anche se non sempre bene nel voler scegliere trame e percorsi diversi inciampando spesso e scegliendo un finale che poteva essere davvero molto più interessante. Ma l’analisi sulla sessualità di Ralph è forse l’elemento migliore e intenso del film grazie a Jesse Eisenberg che come il prezzemolo ovunque lo metti sta nel dare un quadro di macho all’interno della palestra ed è perfetta come scelta di un white trash proletario problematico e mono facciale che non riesce mai ad esprimere emozioni e sentimenti affondandoli dentro se stesso.
[…]





Fonte: Raffaele Palazzo
nel canale: cinema