• musica
  • MATER A CLIVIS IMPERAT – Carmina Occulta

MATER A CLIVIS IMPERAT – Carmina Occulta

03/12/2023


[…]
Carmina Occulta
prosegue il discorso iniziato nel 2022 con Atrox Locus e personalmente lo colloco fra gli album che riescono ad avere l’aura dell’opera d’arte, ovvero quei rari casi in cui l’idea musicale, accompagnata da un forte concetto di fondo, riesce a svilupparsi attraverso un linguaggio proprio originale e a superare le barriere dei generi e delle epoche. È un lavoro enorme, nel senso che è vasto e complesso. Riesce a essere tradizionale, perché riprende una storia già presente nel rock del passato, ma è anche molto moderno nella sua capacità di fondere insieme composizioni da colonna sonora, rock progressivo italiano, a volte blues e altre quasi jazz, poi arriva usare dei temi da musica antica, ma c’è anche una chiara tendenza contemporanea e folk, valorizzata dall’uso di strumenti etnici. Sullo sfondo si avverte un antico spiritaccio metal, nell’attitudine e nell’ispirazione, nonostante la distanza che separa i Mater a Clivis Imperat dalle origini di Samael. È un album molto vario nelle sonorità e ancora più libero nelle composizioni.
[…]





Fonte: Metal Skunk
nel canale: musica