• calcio
  • Per un calcio che sia democratico: il Movimento Football Progrès

Per un calcio che sia democratico: il Movimento Football Progrès

07/04/2024


[…]
Ma il movimento affianca a un’approccio di lotta politica un altro espressamente pedagogico. Vengono organizzati degli stages, pensati per allenatori e dirigenti, ma aperti in realtà anche al pubblico. Si organizzano allenamenti e sfide amichevoli che vengono filmati e poi mostrati ai partecipanti agli incontri, per esemplificare le idee di gioco e di organizzazione della squadra portate avanti dal MFP. L’idea di filmare e successivamente analizzare le partite è del tutto rivoluzionaria, nel calcio degli anni Settanta. Ma vengono anche mostrati esempi pratici di calcio “rivoluzionario” ai massimi livelli: in particolare la finale dei Mondiali del 1970, in cui il 4-2-4 offensivo e corale del Brasile ha schiantato per 4-1 il catenaccio italiano, all’epoca il metodo di gioco più in voga in Francia. Attorno agli stages vengono realizzati anche eventi più ludici che mescolano il calcio con la musica, il teatro e altre forme di gioco. Centinaia di persone iniziano a partecipare agli incontri del movimento.

Il successo del progetto apre però ai primi conflitti intestini. Il MFP nasce come esperienza politica nel calcio, ma conquista seguaci soprattutto parlando di tattica, in un contesto nazionale in cui molti avvertono la necessità di ripensare il calcio francese.
[…]





Fonte: Pallonate in faccia
nel canale: calcio