Priscilla (Coppola 2023)

08/04/2024


[…]
I primi segni di consapevolezza di Priscilla li vedremo il giorno del diploma, quando chiederà a Elvis di restare fuori dalla scuola per non turbare le altre ragazze e le insegnanti: per la prima volta sarà lei ad escludere lui da qualcosa che la riguarda, e non viceversa, e da lì il cammino sarà in discesa, per Priscilla sarà sempre meno stimolante tenere “acceso il focolare domestico”, poiché, come dirà chiaramente quando le relazioni con Ann Margret e Nancy Sinatra non saranno più delle semplici voci o illazioni da tabloid, “la fiamma si sta spegnendo”. Sono gli anni in cui Elvis passa alla controcultura e, oltre ad assumere droghe, si comporta come un santone, leggendo il Vangelo davanti a gruppi di ragazze adoranti e a una Priscilla sempre più irritata.

Sofia Coppola decide di mettere totalmente in secondo piano il mondo di Elvis, che gli spettatori percepiscono solo attraverso i racconti e le sensazioni di Priscilla.
Del re del rock non vediamo nemmeno una scena sui set hollywoodiani, ma solo alcune foto sulle riviste che la fidanzata guarda con tristezza e disappunto, e soprattutto non sentiamo mai una sua canzone: persino nell’unica sequenza che ce lo mostra sul palco, a parte il fatto che lo vediamo di spalle, la musica di sottofondo è quella di Così parlò Zarathustra con cui il cantante spesso apriva i suoi concerti e che infatti era anche nel recente Elvis di Baz Lurhmann (2022).
[…]





Fonte: Il cinema secondo Begood
nel canale: cinema