Priscilla – La recensione

29/03/2024


[…]
Purtroppo, proprio due aspetti legati alla figura di Priscilla Presley sono quelli che mi hanno convinto meno.
Come anticipato, il film lavora quasi sempre per sottrazione e questo – in alcuni momenti – si sente troppo: in particolare ho notato una certa superficialità emotiva quando lo spettatore fa fatica a entrare in connessione con la donna, troppo distante o fredda lungo buona parte del film. I personaggi, volendo essere didascalici, hanno poco spessore e difficilmente si riesce a empatizzare con un Elvis sempre più preda di sé stesso o con una Priscilla sempre più distante da un mondo in costante cambiamento. E questo se vale per i personaggi principali, figuriamoci per i comprimari.

Se si riesce a superare questi aspetti – che, volendo essere generosi, possono anche essere ascritti all’estetica onirica e malinconica tipica di alcuni film della Coppola – i punti di forza del film sono decisamente in maggioranza.
[…]





Fonte: N3rdcore | Film e serie tv
nel canale: cinema