• calcio
  • Quale futuro per i campi di calcetto

Quale futuro per i campi di calcetto

01/11/2023


[…]
Anche il professor Flavio Deflorian, ordinario di Scienza e Tecnologia dei Materiali all’Università di Trento, sembra concordare con Bettinelli: «A mio parere la presenza di elastomeri (polimeri allo stato gommoso, ndr) riciclati, derivanti da pneumatici a fine vita, non rappresenta di per sé una fonte di rischio per l’immissione di microplastiche, anche perché sono incapsulati in altri materiali che li contengono». Nessun pericolo, quindi? «La gomma può essere dannosa per l’ambiente non più di molti altri materiali, a causa della produzione di micro-particolato, ma possiamo controllare e minimizzare il suo impatto sulla salute. I campi di erba sintetica sono gestibili in modo compatibile con l’ambiente».

Il pericolo di dispersione nell’ambiente dei granuli di gomma dovrebbe invece essere attenuato molto dall’obbligo di installare nei campi delle canaline di scolo, che trasportano l’acqua verso un “pozzetto sifonato” con un filtro per trattenere i pallini: «Come una lavatrice può installare un filtro per catturare le microplastiche – ha detto Bucher – così ai campi da calcio deve essere permesso di mettere a punto sistemi per evitare la dispersione nell’ambiente».
[…]





Fonte: L'ultimo uomo
nel canale: calcio