• calcio
  • Salah è un antidoto all’islamofobia

Salah è un antidoto all’islamofobia

01/12/2023


[…]
La possibilità che l’esposizione a Salah abbia ridotto l’islamofobia supporterebbe l’ipotesi del contatto parasociale – ovvero quella teoria sociologica per cui il contatto socio-culturale, mediato da celebrità appartenenti a un gruppo socio-culturale esterno, possa ridurre i pregiudizi nei confronti del gruppo esterno nel suo complesso. Nel nostro caso, che l’esposizione a un musulmano molto famoso, molto amato e percepito come “buono”, possa migliorare l’immagine che gli inglesi hanno dei musulmani in generale.

Nella Sportellata di oggi, proveremo a ripercorrere uno studio condotto da quattro ricercatori di Stanford, Yale e Colorado Boulder University in cui, per la prima volta nella storia, si tenta di dimostrare la validità dell’ipotesi del contatto parasociale non in laboratorio o attraverso test programmati, ma partendo da fatti reali. Per farlo, gli studiosi hanno affrontato tre ricerche parallele ma complementari: un’analisi dei crimini d’odio in Inghilterra, un’analisi dei tweet anti-musulmani tra i tifosi di calcio del Regno Unito e un sondaggio creato ad hoc.
[…]




Fonte: Sportellate
nel canale: calcio