Stanze libere per il mercoledì

18/05/2022


[…]
Marco Castello fu mandato dal suo editore al Schneestern per concludere il suo romanzo. Avevano già progettato la copertina: doveva starci lo schizzo a matita di un coniglio che si copriva gli occhi con le lunghe orecchie, tenendole basse con le due zampe. Il titolo era “Marci”, ma doveva scriverne ancora più di metà. La casa editrice Stradestrane pagò tutto l’importo, prenotando il giorno di natale, previo pagamento di un lieve sovrapprezzo, quando Castello aveva di nuovo bucato la scadenza di consegna. Stava lì per scrivere, coccolato dal lusso e illuminato dal bianco. Aveva a disposizione un enorme appartamento con quattro camere da letto, identico a tutti gli altri. Si sdraiò su uno dei materassi king size e aprì un sito di incontri.
[…]

(Foto di Jamie Fenn via Unsplash)





nel canale: libri-e-lit-blog