Ufomammut: Hidden

09/07/2024


[…]
Hidden
, nascosto. Celato negli abissi del cosmo dal quale esso proviene, creatura spaventosa sospinta dai glaciali venti interstellari che attraversano il plumbeo vuoto e che ce la scagliana (letteralmente) addosso. Un turbinio continuo, un martellamento incessante che si sviluppa lungo sei brani due dei quali (la citata opener e “Mausoleum”) superano i dieci minuti di terrifica, estenuante durata, sottoponendo l’ascoltatore ad una prova di resistenza alla quale solo gli adepti più preparati resisteranno. Perché non v’è nessuna parvenza di compromesso, gli Ufomammut si accettano o si rifiutano. Chi sceglie questa opzione di comodo, però, sappia che rinuncerà ad una opera che appone un ulteriore blocco marmoreo al mausoleo sonico che il terzetto sta significativamente collaborando ad innalzare.
[…]





Fonte: Ver Sacrum
nel canale: musica