• cinema
  • Un mondo a parte, la recensione: una piccola Italia riflessa allo specchio

Un mondo a parte, la recensione: una piccola Italia riflessa allo specchio

27/03/2024


[…]
Un incipit tanto vecchio quanto il cinema stesso
. Il cittadino urbanizzato che esce dal proprio habitat asfissiante per trovare la genuinità e la serenità che gli erano tanto mancate (in questo pazzo mondo moderno). È facile immaginarsi quindi il resto della vicenda. Magari quando il protagonista capirà il vero senso della vita non appena assaggerà il vero cibo chilometro zero e respirerà la vera aria del posto. Da Benvenuti al Sud sino a Cars, si tratta di uno stilema che stanca al suo solo essere nominato.
Ma come già detto, le apparenze ingannano.

A una decina di minuti di film infatti, ogni preconcetto e aspettativa viene completamente sovvertita. Trovandosi di fronte alla realtà contadina, quella vera e rozza, fatta di lupi selvatici, letame e basse temperature, il professore capisce quanto, quel suo mondo di sogni, green e idilliaco, non sia mai esistito.
[…]





Fonte: DassCinemag
nel canale: cinema