Waxahatchee: ‘Tiger Blood’

01/04/2024


Il cambiamento, nella carriera di Katie Crutchfield in arte Waxahatchee, è stato lento ma inesorabile. La maturità l’ha portata, da un lustro a questa parte, a lasciarsi alle spalle elettricità e distorsioni per abbracciare la tradizione del sud degli Stati Uniti, dove è nata e cresciuta (in Alabama, per la precisione), che i moti di ribellione tipici della gioventù avevano tenuto lontano dai suoi gusti. La vita punk, però, le stava creando problemi, sopratutto di dipendenza dall’alcol, ed è stato così che il suo nuovo corso folk-rock è diventato anche l’emblema di un cambio di abitudini decisamente più salutari, compresa la relazione col collega Kevin Morby.

A livello prettamente musicale c’è un’altra relazione che prosegue: dopo il grande successo di pubblico e critica rappresentato dal precedente ‘Saint Cloud‘ (2020), Katie ha scelto nuovamente Brad Cook per incidere un seguito che, più che proseguire con l’evoluzione artistica che l’ha trasportata dall’indie-rock all’alt-country, si propone di affinare uno stile che pare rappresentarne l’approdo definitivo.
[…]





Fonte: Indie-Rock.it
nel canale: musica